Home Cronaca Aci Castello: Drago, "Affidare al Comune il bene confiscato Lido dei Ciclopi"

Aci Castello: Drago, "Affidare al Comune il bene confiscato Lido dei Ciclopi"

0

Affidare al Comune il bene sottratto alla mafia “Lido dei Ciclopi”, una grande opportunità per lo sviluppo del territorio. E’ questo in sintesi il contenuto della lettera che il sindaco Filippo Drago ha inviato al ministro dell’Interno Matteo Salvini, che nei giorni scorsi è intervenuto alla Camera durante il question time sulle disposizioni programmatiche del governo in materia di beni confiscati, invitandolo a visitare la struttura.

“Ho apprezzato molto le parole del ministro e l’impronta che vuole dare sull’affidamento alle realtà territoriali delle centinaia di proprietà tolte ai mafiosi e che ancora oggi sono gestite dallo Stato, con il relativo potenziamento dell’agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni confiscati, e non ho esitato a scrivergli per rappresentargli ciò che da anni sta accadendo nella nostra comunità – spiega il primo cittadino. Già da tempo, infatti, in virtù di una legge abbiamo manifestato alla stessa agenzia l’interesse all’affidamento del cespite, ma nonostante diversi solleciti non abbiamo ancora oggi ricevuto alcuna risposta.

Una situazione davvero surreale se pensiamo che, invece, per i locali dell’ex hotel “Cristal”, che facevano parte del medesimo compendio, l’interlocuzione con l’Ansbc è stata abbastanza fluida ed oggi in quel palazzo ospitiamo uffici votati alla legalità come la Polizia municipale e l’area Tributi o rivolti alla salvaguardia dell’ambiente come l’Area Marina Protetta.

Auspichiamo dunque l’intervento del vice premier – incalza il sindaco leghista – perchè possa consentire ad un’intera cittadinanza di riappropriarsi di un importante pezzo di territorio, per realizzare un sogno decennale quale è l’agognato collegamento del Lungomare tra Aci Castello ed Aci Trezza.
Sarebbe per tutti noi una conquista storica, che ci consentirebbe ancor di più di salvaguardare l’attività dello stabilimento balneare, tutelare il caratteristico e pregiato orto botanico che si trova al suo interno, ma principalmente creare una delle più suggestive passeggiate sul mare motivo di vanto nel mondo e volano per l’incremento dell’economia turistica e culturale di questo splendido Comune.”