giovedì 23 Maggio 2024
25.3 C
Catania

Fontanarossa: due arrivi l’ora operati dal terminal C

correlati

Airways comunica che sta lavorando per operare sei frequenze aggiuntive

La società di gestione dell’Aeroporto di Catania comunica che, si legge in una nota, “verificate le condizioni tecniche per un riavvio delle attività di volo e in accordo con Enac ed Enav, da stasera l’aeroporto è nuovamente operativo con due arrivi l’ora operati dal terminal C. Seguiranno informazioni sui voli che saranno operati. I passeggeri sono comunque invitati a rivolgersi alle compagnie aeree per avere informazioni in merito”, conclude la nota.

Intanto per minimizzare ulteriormente i disagi per i passeggeri in seguito all’incendio che ha colpito lo scalo di Catania Fontanarossa, Ita Airways comunica che sta lavorando per operare sei frequenze aggiuntive con voli dedicati da Milano Linate e Roma Fiumicino sull’aeroporto di Palermo.

In un comunicato la compagnia fa sapere che sta valutando di utilizzare anche aeromobili Airbus A330, auspicando il supporto degli operatori di trasporto locali e regionali, al fine di garantire ai passeggeri una adeguata mobilita’ tra Catania e lo scalo di Palermo. Ita Airways conferma l’attenzione alla Sicilia e alla mobilita’ dei suoi cittadini, e continua a mettere in campo tutte le misure necessarie a mitigare i disagi.

Il Codacons, afferma: “Anche in presenza di un evento eccezionale e non prevedibile come un incendio presso uno scalo aeroportuale, la normativa vigente riconosce i diritti dei passeggeri che le compagnie aeree sono tenute a rispettare”.  commentando in una nota i disagi ai 120mila viaggiatori coinvolti nel rogo all’aeroporto di Catania.

“Se il volo viene cancellato e se il passeggero non è riprotetto su un volo alternativo – spiega la coordinatrice regionale del Codacons Sara Seminara – si ha diritto al rimborso integrale del biglietto. Se la riprotezione è su un volo che partirà con un ritardo di uno o due giorni rispetto l’orario inizialmente previsto, il passeggero ha diritto all’assistenza come pasti e sistemazione in albergo. Se invece la partenza viene schedulata da un aeroporto diverso rispetto a quello inizialmente previsto, le compagnie devono farsi carico delle spese di trasporto o rimborsare eventuali costi (treni, bus, taxi, ecc.) sostenuti dall’utente per raggiungere il nuovo scalo. E’ importante che i viaggiatori conservino tutte le ricevute delle spese extra sostenute ai fini dei dovuti rimborsi”.

“Non si ha diritto invece alla compensazione pecuniaria (da 250 a 600 euro) prevista in caso di improvvisa cancellazione del volo o prolungato ritardo – continua il Codacons – dal momento che la causa del disservizio è attribuibile ad un evento eccezionale che esula dalle responsabilità delle compagnie aeree”.

Latest Posts

Ultim'ora