giovedì 23 Maggio 2024
25.4 C
Catania

Handywater, tecnologie sostenibili e pratiche per l’irrigazione

correlati

Al via le attività di monitoraggio del progetto internazionale sugli effetti del cambiamento climatico sulle colture mediterranee a cui partecipa il Di3A dell’Università di Catania

Un team di ricercatori della sezione “Idraulica e Territorio” del dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente (DI3A) dell’Università di Catania, coordinato dalle prof.sse Simona Consoli (ordinario di Idraulica agraria e Sistemazioni idraulico forestali) e Daniela Vanella (Rtda), partecipa al progetto internazionale PRIMA 2020 dal titolo “Handy tools for sustainable irrigation management in Mediterranean crops” (più brevemente denominato Handywater).

Tra gli obiettivi specifici del progetto vi è l’applicazione di strategie di gestione sostenibile della risorsa idrica, basate sull’adozione di tecniche di irrigazione di precisione e del terreno, attraverso pratiche di agricoltura conservativa. Le attività di ricerca sono contraddistinte da una importante fase di trasferimento tecnologico e dell’innovazione verso gli stakeholder, al fine di migliorare la sostenibilità ambientale e i caratteri produttivo-qualitativi di colture arboree in ambiente mediterraneo, soggette ad una progressiva contrazione delle risorse idriche disponibili a seguito dei fenomeni di cambio climatico.

Alcuni degli effetti più comuni della crisi climatica in atto comportano infatti la diminuzione delle precipitazioni, aumentando la frequenza e l’intensità delle siccità in molte regioni mediterranee, compromettendo la crescita e la produttività delle colture arboree, ma anche incidendo sull’evaporazione e la traspirazione delle piante, sulla fioritura, l’impollinazione e la formazione dei frutti, sulla qualità stessa dei prodotti, con l’alterazione del contenuto di zuccheri e acidi nei frutti, sulla diffusione di malattie e parassiti e sulla pianificazione delle pratiche di irrigazione.

L’attività sperimentale del progetto Handywater si svolge presso l’azienda agraria sperimentale del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, Centro di ricerca Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura (Crea-Ofa), nell’ambito delle attività di collaborazione alla ricerca tra il Centro e l’Università di Catania.

Dal 26 al 30 giugno scorsi l’ateneo ha ospitato due team di ricercatori provenienti dal dipartimento di Geofisica dell’Università di Padova (UniPd) e dall’Helmholtz-Zentrum für Umweltforschung (UFZ, Lipsia) per eseguire prospezioni geofisiche ed applicazioni di proximal sensing con l’obiettivo di monitorare la risposta idrologica del sistema suolo-pianta-atmosfera all’applicazione di regimi irrigui deficitari.

Latest Posts

Ultim'ora