30.1 C
Catania
martedì 5 Luglio 2022

Bando BonuSicilia, si avvicina la scadenza

Rivolto alle microimprese di otto degli undici Comuni del Gal Etna

Si torna a parlare di BonuSicilia CLLD, a pochi giorni dalla scadenza del bando, fissata al 6 giugno. Nella sala conferenze di Villa delle Favare, a Biancavilla (sede del Gal Etna), è stato organizzato un incontro, insieme all’Ordine dei commercialisti di Catania, per informare direttamente i professionisti, dell’importante occasione da cogliere per le imprese del territorio.

Ad aprire i lavori il presidente del Gal Etna, Enzo Maccarrone e il vicepresidente dell’Ordine dei commercialisti di Catania, Tito Giuffrida. Presenti, tra gli altri, i deputati regionali, Alfio Papale e Angela Foti, ai quali è stato rivolto un invito, in vista della prossima programmazione, per poter destinare maggiori risorse ai Gal, visto la loro capillare presenza sul territorio, oltre ad essere un concreto punto di riferimento per le aziende.

A spiegare le caratteristiche del bando e i requisiti necessari che devono possedere le aziende per ottenere il beneficio, sono stati gli “animatori” del Gal Sebastiano Impallomeni e Salvatore Battiato, mentre le conclusioni sono state affidate ad Andrea Brogna, responsabile di piano del Gal Etna.

Il BonuSicilia è rivolto alle microimprese di otto degli undici Comuni del Gal Etna, in dettaglio, si tratta di: Belpasso, Bronte, Catenanuova, Maletto, Maniace, Paternò, Ragalna e Santa Maria di Licodia.

Con il bando verranno erogati contributi a fondo perduto per le realtà economiche di piccole dimensioni, che abbiano un fatturato annuo inferiore a 2 milioni di euro e un massimo di 10 dipendenti impiegati. Le aziende devono essere iscritte alla Camera di commercio, e devono essere in possesso di un DURC in regola, uno Spid, una firma digitale ed avere sede legale e/o operativa in uno degli 8 Comuni del Gal Etna sopracitati.

Nei giorni scorsi sono stati organizzati diversi incontri informativi, nelle realtà territoriali interessate dall’iniziativa, coinvolgendo direttamente le Istituzioni del territorio e le aziende; a Biancavilla, si è scelto di parlare ai commercialisti punto di riferimento delle aziende.

Nonostante la grande informazione promossa sul territorio, ad oggi sono state presentate poche domande. «Riteniamo importante informare quante più persone possibili – evidenzia il presidente del Gal Etna, Enzo Maccarrone -. I commercialisti sono sicuramente i soggetti più adatti per veicolare questo bando alle imprese che possono beneficiare di questo contributo. Questi giorni che mancano alla scadenza possono servire a completare la documentazione richiesta a quanti ancora non l’hanno completata.»

Per le imprese del Gal Etna la dotazione finanziaria del BonuSicilia ammonta a 3,2 milioni di euro, fuori restano però le microimprese dei Comuni di Adrano, Biancavilla e Centuripe, perché realtà inserite nel gruppo delle “Aree interne”, dunque, beneficiari di altri fondi.

Si ricorda che ogni impresa potrà beneficiare al massimo di 5 mila euro. La procedura di selezione avverrà a sportello e le domande si dovranno inoltrare per via telematica attraverso la piattaforma digitale predisposta dal dipartimento regionale Attività produttive. I fondi saranno erogati entro giugno 2022.

«In questo difficile momento per le nostre imprese – evidenzia il vicepresidente dell’Ordine dei commercialisti di Catania, Tito Giuffrida -, bisogna cogliere quest’opportunità, per poter beneficiare di somme a fondo perduto. Come commercialisti siamo pronti a dare il nostro sostegno e aiuto alle imprese che avranno bisogno dei nostri consigli.»

Latest Posts

spot_img

Ultim'ora