mercoledì 17 Agosto 2022
30.1 C
Catania

Al Caltagirone Short FilmFest consegnati i primi riconoscimenti

correlati

premiati il giornalista Michele Cucuzza, l'attore Luigi Tabita e il regista Fabio Cillia

Sono stati consegnati ieri sera i primi riconoscimenti del Caltagirone Short FilmFest. Un pubblico attento e coinvolto ha assistito alla consegna del Premio Antonio Grasso – intitolato all’indimenticato corrispondente del giornale La Sicilia per il calatino per oltre 50 anni – al giornalista e conduttore catanese Michele Cucuzza, da quest’anno volto amatissimo del TG Sicilia. Il premio è stato cosegnato con condivisa commozione da Maria Paola Vercelli, nipote di Antonio Grasso, che ha ricordato la dedizione e la passione del nonno non solo per la sua professione ma anche per il territorio. La Piazza del Municipio è stata ancora la cornice di un altro importante riconoscimento: il Premio Human Rights è stato consegnato all’attore augustanese Luigi Tabita, da molti anni alfiere di un messaggio di inclusione e impegnato nella difesa dei diritti civili, ideatore del Giacinto Festival che si svolge a Noto (SR) e giunto quest’anno all’ottava edizione. La serata, condotta amabilmente da Flora Contrafatto ed Angelo Scaltriti, ha visto in apertura di serata la proiezione in anteprima italiana dell’emozionante cortometraggio fuori concorso “El quinto vagón” alla presenza della regista Antonia San Juan. Il cortometraggio, che tratta il delicato tema della differenza di genere attraverso gli occhi di una bambina, non vuole essere un film di denuncia, ha spiegato la regista, sceneggiatrice e attrice – portata alla ribalta da Pedro Almòdovar nel film “Tutto su mia madre” nel ruolo di Agrado – ma un messaggio per la difesa della libertà di pensiero. Grande emozione anche per il cortometraggio fuori concorso “Papà uccidi il mostro” proiettato alla presenza del regista e interprete Fabio Vasco, una riflessione sul dramma sociale dell’ILVA di Taranto attraverso la storia di un padre costretto a dire addio al proprio figlio malato, vittima sacrificale del profitto ad ogni costo. La serata si è conclusa con la proiezione di “Redemptio” del regista Fabio Cillia, un docufilm che raccoglie le testimonianze di sette detenuti all’interno della casa circondariale di Caltagirone e che ha ricevuto, dalle mani del Sindaco Fabio Roccuzzo, il Premio Regia Caltagirone Short FilmFest.

Ricco il calendario degi appuntamenti di oggi, lunedì 18 luglio 2022. Alle 18:30 nella Sala Milazzo del Palazzo Comunale l’attore Bruno Torrisi incontra il pubblico. Dalle 20.00 la Piazza del Municipio torna il centro della kermesse con Beppe Manno che presenta “DOC – Rassegna itinerante del Cinema d’Autore e Documentari”, un progetto che da anni porta uno “spaccato di cultura” per tutta la Sicilia con corti e documentari. Dalle 20.30 saranno svelati i premiati delle categorie in concorso e il vincitore del Premio Marino alla miglior sceneggiatura. Grande attesa anche per Nicole Grimaudo che riceverà il Premio Città Caltagirone, il riconoscimento del festival a quegli artisti di origine siciliana che, nel loro percorso umano e professionale, hanno sostenuto e promosso i valori della propria terra.

Con la direzione artistica di Angela Failla, sceneggiatrice e scrittrice, ed Eva Basteiro-Bertolí, attrice, produttrice e cantante di origine catalana, il Caltagirone Short FilmFest è una manifestazione organizzata dal Comune di Caltagirone ed è dal medesimo patrocinato insieme alla Regione Sicilia.

Il programma del festival è consultabile sul sito ufficiale del Caltagirone Short FilmFest.

Latest Posts

spot_img
spot_img

Ultim'ora