Decoro urbano: sabotate due delle tre fontane con la nuova illuminazione

I problemi sono però stati subito risolti dal Comune e il Sindaco e l’assessore Di Salvo hanno potuto dare il comando d’accensione per Largo Paisiello, dove si trovavano, e per la villetta Pacini e la piazza Borsellino, dove si sono recati subito dopo. Bianco, “Se qualcuno pensa di poter bloccare il processo di riqualificazione urbana che abbiamo avviato, sbaglia”
Subito dopo il tramonto, il sindaco di Catania Enzo Bianco e l’assessore al Decoro urbano Salvo Di Salvo, dal Largo Paisiello, hanno “illuminato” contemporaneamente tre fontane di Catania nonostante due di esse fossero state sabotate poche ore prima.
Nello stesso Largo Paisiello, infatti, è stata smontata una lampada e tagliato un filo creando un corto circuito, mentre nella fontana della villetta Pacini è stato staccato l’interruttore di comando generale.
“Se qualcuno pensa – ha detto il sindaco Bianco – di poter bloccare il processo di riqualificazione urbana che abbiamo avviato, sbaglia. Siamo riusciti in ogni caso a riconsegnare, più belle di prima grazie all’impianto di illuminazione a luci colorate, tre importanti fontane alla città. Abbiamo denunciato l’accaduto alle Forze dell’ordine affinché perseguando chi ha commesso questi atti inqualificabili”.
Le tre fontane erano state riattivate nelle ultime settimane con la sistemazione dell’impianto idraulico al quale è stato accoppiato un sistema di illuminazione.
Sono stati istallati dei fari a led Ip 68 Rgb 24 w con un sistema di controllo in grado di interagire sulla variazione dei colori e della luminosità.
L’impianto di illuminazione è in alternanza da tre a sette colori con possibilità di regolazione temporizzata e il sistema di controllo dispone di venti funzioni di programmazione.