Gentiloni a Catania, 'riprendere lo sviluppo del Mezzogiorno'

Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni a Catania per una visita ufficiale al Comune. Ad accoglierlo il sindaco Enzo Bianco. Il primo ministro, a conclusione dell’incontro si è recato a Passo Martino, per una visita al sito di Enel Green Power.

Il primo cittadino di Catania, apre il suo intervento, facendo vedere al primo ministro, un immagine della Sicilia fotografata dallo spazio. Una delle zone più luminose – ha detto il sindaco Bianco – è l’area attorno l’Etna, cioè la città metropolitana di Catania. “Siamo una grande comunità, orgogliosa del nostro passato, ma che guarda con speranza al nostro futuro”. Queste le parole del primo cittadino di Catania, Enzo Bianco, nell’incontro, nel municipio, con il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, “Come città metropolitana Catania è la settima in Italia, ma viviamo il paradosso di avere ingenti investimenti per infrastrutture da realizzare, ma non abbiamo i fondi per l’ordinaria amministrazione”. “Abbiamo un problema sicurezza – ha aggiunto il iprimo cittadino – legata alla crisi, che abbiamo pagato a caro prezzo. Ma anche per una mafia sfrontata e arrogante. Ma c’è stata una squadra, lo Stato, che con passione ed entusiasmo ha riportato risultati eccezionali”.

“Utilizzare i fondi per il Mezzogiorno è uno dei problemi cruciali del Paese. Se diamo risposte al divario non facciamo una cosa utile e importante per il Sud ma recuperiamo una delle potenzialità per la crescita del nostro Paese”. A dirlo il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. “Abbiamo bisogno di riprendere direttamente in mano la questione dello sviluppo del Mezzogiorno – ha annunciato – e tra un mese lo faremo con un grande incontro a Matera”.

“Serve avere e trasmettere un’idea di stabilità degli impegni di governi locale e nazionale. Mi rendo conto che in questi giorni io possa apparire e fare la parte del marziano. Uno che non si rende conto. Ma vi assicuro che mi rendo conto della difficoltà. Qualcuno ha usato la parola ‘turbolenza’. Ma noi abbiamo una responsabilità verso il Parlamento e i nostri cittadini”.

“Abbiamo una maggioranza solida, – ha detto Paolo Gentiloni,  – abbiamo una serie di riforme decise dal Governo di cui già facevo parte, da completare, aiutare e sviluppare. Abbiamo nuove iniziative di cambiamento in queste settimane. Dalla tutela del risparmio alla sicurezza e all’immigrazione e alla difesa dal processo penale, alla lotta alla povertà. Il catalogo potrebbe continuare a lungo. Ma serve solo per dire che non è una scelta, fa parte del mio dovere trasmettere a tutti i nostri concittadini l’idea che il governo si concentra sull’attiva di governo, e sul tentativo di dare una soluzione ai problemi”

Rispondi