martedì 27 Settembre 2022
21 C
Catania

Regionali: Poker nel centrodestra, Prestigiacomo, Schifani, Miccichè e Cittadini

correlati

domenica scade il termine per depositare i simboli elettorali coi nomi dei candidati alla presidenza della Regione siciliana

Sorpreso ma pronto ad assumere l’incarico. Fonti di centrodestra descrivono così la reazione di Renato Schifani alla notizia che FdI oggi ha scelto lui nella terna di nomi sottoposti da Forza Italia alla leader Giorgia Meloni per la presidenza della Regione Siciliana.

Il senatore si è detto lieto degli attestati di stima arrivati dai centristi della coalizione come il leader di Mpa Raffaele Lombardo, Totò Cuffaro (Dc Nuova) e Saverio Romano (Noi con l’Italia) ma è ancora in attesa dell’ufficialità da parte del suo partito. Ufficialità che potrebbe non essere scontata dato che, quanto meno nell’isola, né i big azzurri, né tanto meno il coordinatore regionale Gianfranco Miccichè, sarebbero stati informati della scelta di Fratelli d’Italia. E non ne sarebbero neanche così entusiasti.

“Fermo restando l’autorevolezza e la statura politica sia del presidente Renato Schifani sia dell’onorevole Stefania Prestigiacomo – scrivono in serata in una nota  parlamentari regionali, assessori regionali e tutti i commissari provinciali di Forza Italia in Sicilia – tutta Forza Italia Sicilia si stringe attorno al proprio commissario regionale Gianfranco Miccichè ritenendolo oggi l’unico soggetto in grado di poter rappresentare tutte le componenti del partito siciliano e in grado di portare al successo tutta la coalizione di centrodestra”.

In tarda serata, ennesimo colpo di scena. Non sarebbe più Renato Schifani il candidato alla Presidenza della Regione Siciliana per il Centrodestra, ma a quanto pare  sarebbe stato proposto alla coalizione il nome di Barbara Cittadini, presidente nazionale dell’Aiop. “Tutto risolto” trapela da fonti siciliane azzurre. Adesso, però, bisogna capire se anche gli alleati della coalizione accetteranno questo repentino cambio di candidato, quando mancano meno di due giorni alla chiusura delle liste. 

Intanto domenica scade il termine per depositare i simboli elettorali coi nomi dei candidati alla presidenza della Regione siciliana. è certo che “Fratelli d’Italia non avanzerà alcuna proposta, ne facciamo un’altra loro” ha detto ieri Ignazio La Russa, perché “è successo che Nello Musumeci si è rotto le balle e ha detto con grande signorilità che si toglie d’impaccio, ringraziando Giorgia e Ignazio e dicendo trovatevene uno migliore: ma sicuramente uno migliore non esiste”. 

Latest Posts

Ultim'ora