Lavoro: Gi Group, 240 corsi per qualificare più di 2.000 persone nel 2019

Roma, 6 mar. (Labitalia) - Anche per il 2019 Gi Group, la prima multinazionale italiana del lavoro, propone un calendario di percorsi di specializzazione - le Academy - per formare le figure più richieste dalle imprese tra cui: Programmatori Acn, ma anche Addetti specializzati alla cucitura nel tessile, Addetti al banco macchina per il leather goods, Tecnici per la posa di fibra ottica o per l'installazione di ponti radio, Addetti al banco macelleria per la Gdo. Dopo più di 200 corsi realizzati nel triennio 2016-2018 e oltre 2.000 persone formate di cui l'85% inserito in aziende, Gi Group, prevede per il 2019 un calendario di 240 corsi con l'obiettivo di formare altri 2.000 profili specializzati. I corsi di formazione rivolti a disoccupati e inoccupati sono tutti gratuiti e prevedono mediamente una quota di 10-15 partecipanti nella fascia di età tra i 18 e i 35 anni. Per iscriversi occorre candidarsi e superare il relativo iter di selezione e ammissione. ?Alla luce dello skills shortage e del conseguente mismatch che caratterizza il mondo del lavoro, Academy è una scelta di servizio che in Gi Group si consolida quest'anno, dopo l'esperienza maturata in diversi ambiti, ma partita tre anni fa nell'Ict con QiBit dove, sul totale di candidati specializzati, il 98% sono neodiplomati o neolaureati in discipline affini all'informatica, ad esempio matematica, fisica e statistica, a volte anche filosofia", commenta Zoltan Daghero, Managing Director di Gi Group Italia. "In questi venti anni di storia - sottolinea - abbiamo, infatti, sperimentato come siano necessari servizi sempre più verticali e rispondenti ai bisogni complessi di imprese e candidati, specie oggi con distretti e ambiti produttivi fortemente impattatati da Industria 4.0. Da ciò deriva la nostra scelta di puntare su percorsi di formazione intensivi con focus, in particolare, sull'ultimo miglio della formazione, ovvero sulla capacità di aiutare le persone ad avere maggiori opportunità, divenendo più impiegabili e spendibili grazie all'acquisizione di competenze più specifiche di settore?. ?Accanto all'attenzione per i comparti meccanici e i più tipici del made in Italy, quest'anno, in particolare, svilupperemo l'area dei mestieri food della Gdo. Alla luce dei positivi risultati ottenuti finora, Gi Group continuerà a investire su questo servizio che può essere declinato anche sulle esigenze specifiche e peculiari di una sola azienda?, precisa Michele Fabbrini, Business Development Manager Gi Formazione.