Mafia: Palermo, confiscati beni per 1,6 milioni a boss (2)

(AdnKronos) – Quest’ultimo in più occasioni “manifestava espressamente sia la destinazione delle somme al padre sia la regia di questi in ordine alle questioni salienti afferenti alla gestione di detti immobili, permettendo di rilevare tipiche manifestazioni dell’animus del proprietario (come l’interesse alla messa a reddito, al mantenimento delle condizione strutturali e del valore, la manifestazione di una possibile volontà di alienare i beni fissandone il prezzo)”, dicono i Carabinieri. Inoltre è stata documentata la preoccupazione di Santi Pullarà sull’eventuale concorrenza commerciale di altre grosse aziende impegnate nel settore della distribuzione, intenzionate ad avviare loro attività nei pressi di quelle svolte negli immobili locati.
Del pari, è stata rilevata la ferrea intenzione di Pullarà nel pretendere che – a seguito di un incendio dovuto a cause accidentali – uno dei locatari dei magazzini confiscati con l’odierno provvedimento acquistasse l’immobile da lui utilizzato a una cifra altissima e assolutamente fuori mercato, stimata in due milioni di euro. “Le conversazioni intercettate, del resto, hanno chiaramente dimostrato che Santi Pullarà – oltre ad amministrare il patrimonio immobiliare intestato ai Macaluso nell’interesse e per conto del padre – allorquando mosso da autonome idee imprenditoriali da concretizzare nei predetti immobili, si rivolgeva in maniera naturale al contesto mafioso di riferimento”.
Infatti, è stato documentato che proprio Di Marco ricordava a Pullarà “la necessità di chiedere a Giuseppe Greco, esponente di vertice del sodalizio mafioso di Santa Maria di Gesù, l’autorizzazione per dare corso alle sue iniziative economiche, così come previsto dalle ferree regole di Cosa Nostra per il controllo del tessuto territoriale e imprenditoriale valide anche per gli affiliati”. Infine, grazie alle ampie risultanze investigative, è stato valutato come, a fronte delle ingenti risorse economiche gestite dai Pullarà e dell’alto tenore di vita documentato, nessuno degli appartenenti al nucleo familiare abbia mai dichiarato redditi o altre entrate significative. “In quel contesto è dunque risultato evidente che la famiglia Pullarà ha potuto contare su risorse di provenienza illecita – ab origine – negli investimenti connessi con l’acquisto dei terreni e con le successive edificazioni degli immobili confiscati, esborsi chiaramente incompatibili con le condizioni economiche rilevabili dai dati ufficiali”.