Mafia: processo depistaggio, Scarantino ‘Io colpevole di essere innocente’

Caltanissetta, 16 mag. (AdnKronos) - (dall'inviata Elvira Terranova)- "Io, colpevole di essere innocente". Scandisce più volte la frase, la ripete due, tre, quattro volte. Con lo sguardo perso nel vuoto. Riappare in un'aula di giustizia Vincenzo Scarantino, l'ex picciotto della Guadagna di Palermo, pentito e poi pentito, per due volte di seguito, di essersi pentito. Molto dimagrito rispetto alle ultime apparizioni, con i capelli brizzolati, polo grigia e giubbotto nero, Scarantino, nascosto dietro un paravento bianco, è stato chiamato a deporre al processo sul presunto depistaggio sulle indagini della strage di via D'Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. Sul banco degli imputati tre poliziotti, Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, accusati di concorso in calunnia aggravato. Ad ascoltarlo, seduta in secondo fila nell'aula bunker del carcere di Caltanissetta c'è anche Fiammetta Borsellino. Non si distrae un attimo. Ascolta con attenzione la deposizione fiume dell'ex collaboratore, condannato per calunnia, e muove più volte la testa. Fino a sbottare, durante una breve pausa: "E' offensivo avere addebitato a uno come Vincenzo Scarantino la strage in cui è morto mio padre, semplicemente offensivo. Sono esterrefatta". Scarantino, in un italiano incerto, sollecitato dal Procuratore aggiunto Gabriele Paci e dal pm Stefano Luciani, ripete anche stavolta quanto già spiegato in passato ai magistrati. Di avere deciso di collaborare solo perché "stanco delle botte e delle torture, fisiche e psicologiche, che subivo in carcere". Fino a parlare dei "vermi messi nella minestra" e i "colpi di paletta nelle parti intime". Anche se ci sono molti "non ricordo" durante la lunga deposizione di Scarantino, interrotta solo da una breve pausa pranzo. L'ex pentito racconta la sua 'carriera'criminale fino all'arresto, subito dopo la strage Borsellino.