Migranti: tratta di esseri umani, giovani nigeriane costrette a prostituirsi (2)

(AdnKronos) - Le donne venivano, poi, trasferite in Libia, dove erano costrette a permanere presso strutture di detenzione nella disponibilità dell'associazione criminale, per essere definitivamente imbarcate alla volta dell'Italia. Giunte nella penisola, quindi, e accompagnate nei centri di prima accoglienza in Sicilia, venivano successivamente avviate alla prostituzione, con l'obbligo di riscattare progressivamente la somma concordata per riottenere la libertà ed evitare conseguenze lesive per loro e i propri familiari in Nigeria.