Home Cultura e Spettacolo Polo Tattile Multimediale: torna l’appuntamento con la Domenica al Museo

Polo Tattile Multimediale: torna l’appuntamento con la Domenica al Museo

0

Torna l’appuntamento con la Domenica al Museo per il Polo Tattile Multimediale di via Etnea, la struttura divulgativa della Stamperia Regionale Braille Onlus che consente di scoprire attraverso quali strumenti i ciechi possono comprendere la realtà in cui viviamo.
Domenica prossima, 5 novembre, le visite guidate saranno però anticipate di due ore      rispetto all’ultima edizione e partiranno dunque alle 17 invece che alle 19. I “viaggi” alla scoperta del Polo Tattile Multimediale cominceranno ogni venti minuti (dalle 17.20 alle 21.20) per gruppi  costituiti da un numero limitato di persone e che avranno il supporto di una guida,
Il Polo Tattile Multimediale sarà dunque aperto dalle 17 alle 22 per ricevere sia le persone disabili con i loro accompagnatori (per i quali l’ingresso è gratuito, così come per i bambini con meno di dieci anni) sia gli altri visitatori, che pagheranno un prezzo ridotto di due euro e cinquanta centesimi.
Nel Museo Tattile si potranno “toccare con mano” i plastici del Teatro Massimo Bellini e del Palazzo degli Elefanti, del Colosseo e della Torre Eiffel, della Moschea Blu di Istanbul e delle Piramidi, quadri (in rilievo) dipinti da Michelangelo e Caravaggio, sculture come il David di Donatello. Tutti questi supporti sono stati realizzati nei laboratori tiflologici della Stamperia Regionale Braille di Catania, da oltre trent’anni impegnata nell’integrazione scolastica, sociale e lavorativa di ciechi e ipovedenti.
Ma nel Polo Tattile ci sono da scoprire anche il “Giardino sensoriale”, il “Bar al buio”, il primo permanente in Italia, e uno showroom che offre la possibilità di conoscere – e provare – i più moderni ausili per non vedenti, dagli orologi alle tastiere per pc a mille altri oggetti.
Nino Novello, presidente della Stamperia Braille di Catania, ha sottolineato l’importanza sociale dell’adesione a quest’iniziativa nazionale voluta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo, per far conoscere ai cittadini questo particolarissimo museo.