Rapina al supermercato, arrestata guardia giurata

Su disposizione della Procura della Repubblica di Catania, i Carabinieri della Stazione di Tremestieri Etneo hanno arrestato un 50enne di Aci Catena, con l’accusa di rapina aggravata in concorso.

Secondo la ricostruzione, il 6 gennaio del 2018, un commando formato da tre individui, armati di pistola e con i volti coperti da maschere e passamontagna, subito dopo la chiusura fece irruzione nel supermercato IPERCOOP del centro commerciale “Le Ginestre”, aggredendo e disarmando i due vigilantes (durante la colluttazione uno dei due esplose un colpo di pistola andato a vuoto), per impossessarsi dell’incasso della giornata, circa 40mila euro, appena depositati all’interno delle casseforti. Le indagini dei carabinieri hanno avuto inizio dall’analisi dei filmati delle telecamere attive nell’esercizio commerciale, che hanno ripreso i momenti della rapina ed hanno consentito di notare uno dei criminali deambulare in modo del tutto singolare.

La visione delle registrazioni ha consentito altresì di appurare come, qualche ora prima della rapina, un uomo (che indossava gli stessi abiti e camminava nella stessa maniera) era entrato come un normale cliente nel centro commerciale, avvicinandosi ai due addetti alla sicurezza e conversando con loro in modo confidenziale. Con questi elementi, si è provveduto ad identificare il soggetto, risultato una guardia particolare giurata di quel centro commerciale, pertanto a conoscenza dei meccanismi di sicurezza adottati per la chiusura delle casse e il deposito del denaro nelle casseforti.

Ulteriori approfondimenti investigativi hanno consentito ai carabinieri di configurare a carico del  reo un quadro probatorio che non  ha lasciato alcun dubbio al giudice il quale, accogliendo la richiesta della Procura, ne ha ordinato l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza.

I militari, durante l’esecuzione della misura, hanno perquisito l’abitazione dell’indagato rinvenendo e sequestrando: la somma in contanti di 26mila euro,  59 cartucce calibro 9×21 e 2 cartucce calibro 7.65 detenute illegalmente.

Rispondi