giovedì 9 Febbraio 2023
8 C
Catania

Abusi su figlia 13enne, arrestato orco

correlati

Sarebbe stata la ragazzina a confidarsi con una insegnante

La Procura di Catania, nell’ambito delle indagini a carico di un 38enne catanese, già noto alle Forze dell’Ordine, indagato per “violenza sessuale continuata e aggravata” e “maltrattamenti in famiglia”, ha richiesto ed ottenuto dal Tribunale di Catania, un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere, eseguita dai Carabinieri della Stazione di Catania Piazza Dante.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, con il supporto di  un attività investigativa, hanno consentito di far emergere un contesto familiare contraddistinto da anni di maltrattamenti e violenze, anche di natura sessuale, ai danni della compagna e della figlia minore di 14anni, vittima quest’ultima di pratiche erotiche, fortunatamente non complete.

Nello specifico, dalle indagini è emerso come il 38enne avesse abusato della moglie sin dall’inizio della loro relazione di convivenza, nell’anno 2004 e che da circa un anno, le attenzioni del “padre orco” si erano indirizzate verso la figlia consanguinea, minorenne.

L’accertamento dei fatti è partito da alcune dichiarazioni confidate dalla ragazzina alle insegnanti dell’istituto scolastico frequentato, che sono state immediatamente segnalate ai Carabinieri.

Questi ultimi, anche grazie ad attività tecniche, sono quindi riusciti ad acclarare lo stato di timore e di perenne ansia creato dal 38enne, dedito ad assumere alcol e droga, nei confronti dei propri congiunti, attraverso lo strumento delle percosse e delle intimidazioni, rese più temibili dalla minaccia dell’uso di coltelli.

Gli accertamenti dei Carabinieri sono stati inoltre fondamentali per dimostrare ulteriormente la freddezza e la mancanza di qualsivoglia inibizione da parte del “genitore carnefice”, che aveva sempre contrastato i tentativi delle vittime di far emergere con i familiari quanto di torbido stesse accadendo. Invece di desistere o di comprendere la gravità dei propri gesti, l’uomo aveva invece fatto credere ai parenti che le confessioni della figlia e della convivente, fossero semplicemente il frutto della loro immaginazione e talvolta addirittura di “un sogno”.

Subito dopo la denuncia, la madre e tutti i 4 figli minorenni sono stati immediatamente collocati in una casa protetta, al fine di interrompere le violenze, da dove hanno continuato a mantenere uno stretto contatto con i Carabinieri, fornendogli dettagli preziosi ai fini della ricostruzione dell’intero impianto accusatorio. Per il 38enne, si sono invece aperte le porte del carcere di Catania Piazza Lanza.

Latest Posts

Ultim'ora