martedì 28 Marzo 2023
11.8 C
Catania

Aggressione alla pineta di Linguaglossa, denunciati

correlati

A seguito delle indagini coordinate dalla Procura di Catania e svolte dal NIPAAF Carabinieri di Catania e dal NORAS del Corpo Forestale di Catania, sono stati individuati i presunti  autori dell’aggressione compiuta il 17 dicembre scorso all’interno della pineta di Linguaglossa, in Zona B del Parco dell’Etna a danno di due ciclisti che avevano fatto loro notare di avere danneggiato, unitamente a un numeroso gruppo di motociclisti, le aree boschive in area soggetta a stringenti vincoli naturalistici.

Le indagini hanno preso avvio a seguito di una denuncia del Presidente del Parco dell’Etna, corredata da un video dell’aggressione, ripresa dalla go-pro di uno dei due ciclisti che era stato tratto dal web e dal quale risultava che i due ciclisti erano stati insultati e colpiti con il casco, pugni e calci.

Oggi, in esecuzione delle disposizioni date dalla Procura, il gruppo di lavoro per la repressione dei reati ambientali, alle prime ore del mattino i Carabinieri Forestali, gli agenti del Corpo Forestale della Regione Siciliana e della Stazione di Zafferana Etnea hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione nelle abitazioni di S. A. di anni 26 e P. K. di anni 45. I militari hanno rinvenuto le moto con cui erano state realizzati gli illeciti ambientali nonché l’abbigliamento utilizzato dagli aggressori.

Le moto e gli indumenti sono così stati posti sotto sequestro.

I due soggetti sono indagati in concorso per i delitti di violenza privata, deturpamento di bellezze naturali, deturpamento di beni paesaggistici e violazione della legge sulle aree protette.

E’ stato infatti accertato che il passaggio dei motociclisti fuoristrada aveva lasciato evidenti e profondi solchi sul terreno che era stato scavato dagli pneumatici tassellati. Essendo l’area gravata dal vincolo idrogeologico, ciò ha determinato un serio pregiudizio, oltreché all’integrità ambientale dei luoghi e alla loro quiete, anche alla stabilità del suolo per una marcata propensione al fenomeno erosivo del ruscellamento e alla distruzione della rinnovazione di specie vegetali autoctone.

Ai soggetti sono state inoltre elevate sanzioni amministrative per violazioni al Regolamento del Parco per un totale di oltre 1.300 Euro.

Latest Posts

Ultim'ora