mercoledì 12 Giugno 2024
25.5 C
Catania

Blitz interforze a San Berillo

correlati

il prefetto “Eliminate situazioni di illegalità”

Un’operazione interforze ad “alto impatto” finalizzata all’individuazione di situazioni di illegalità all’interno del quartiere San Berillo vecchio è in corso a Catania. I controlli, sottolinea la Prefettura etnea in una nota, nati in attuazione di specifiche direttive del ministro dell’Interno, sono rivolti contro fenomeni che destano particolare allarme sociale, come occupazioni abusive, traffico di stupefacenti, immigrazione clandestina e prostituzione.

Nell’operazione sono stati impiegati dispositivi di sicurezza per complessivi 123 operatori. Durante gli interventi, condotti anche con la partecipazione della polizia locale di Catania e di una ditta appositamente incaricata dal Comune, sono stati abbattuti manufatti abusivi sul suolo pubblico, demolite strutture fatiscenti, sgomberati bancali e assi di legno e rilevati allacci abusivi all’energia elettrica.

I vigili del fuoco sono entrati in cinque strutture abbandonate e aperte. Sono state, tra l’altro, liberate due strade pubbliche in cui c’erano sette baracche che ne impedivano l’accesso e dove sono state rinvenute bottiglie di superalcolici oltre ad alcune bombole di gas.

Controllate 247 persone
Controllate complessivamente 247 persone, 59 delle quali risultate avere precedenti di polizia, 104 autovetture e 10 esercizi pubblici, per tre dei quali sono state accertate violazioni fiscali, mentre altri due sono risultati abusivi perché senza licenza commerciale. Sono state comminate sanzioni per circa 6mila euro.

La polizia locale ha sequestrato sei ciclomotori, di cui uno oggetto di furto e riconsegnato al proprietario. Sono state effettuate diverse perquisizioni domiciliari, rinvenute apparecchiature per la coltivazione di marijuana e sequestrati circa 500 grammi della stessa droga.

Nove stranieri extracomunitari, inoltre, sono stati accompagnati in uffici della polizia di stato per accertamenti: uno è stato arrestato e tre saranno destinatari di provvedimento di espulsione perché non in regola con la posizione sul territorio nazionale. Sono stati trovati, infine, animali affidati al servizio veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Catania.

Il prefetto, conclude la nota, esprime “particolare apprezzamento per la rilevanza dell’operazione interforze e ringrazia tutti gli operatori che, con il loro intervento, hanno consentito di eliminare situazioni di illegalità e di degrado, ripristinando condizioni di civile convivenza in un quartiere significativo del centro storico di Catania”.

Latest Posts

Ultim'ora