domenica 23 Giugno 2024
25.2 C
Catania

Catania: 12’50” per salvare una vita

correlati

12 minuti e 50 secondi, può sembrare un tempo esiguo, ma sono stati necessari e preziosi per aiutare la vita di un uomo. Tanto infatti è il tempo impiegato dalle “gazzelle” ed i motociclisti del Nucleo Radiomobile del Reparto Operativo dei Carabinieri di Catania per percorrere i quasi 16 chilometri di traffico cittadino, il tratto viario intercorrente tra l’Ospedale “San Marco” e l’Ospedale “Cannizzaro”.

In particolare, poco prima delle 8, la Centrale Operativa dei Carabinieri ha ricevuto una richiesta di scorta ad un mezzo sanitario, che avrebbe dovuto trasportare un organo ed un’equipe medica dall’ospedale di Librino, fino alla piazzola di decollo dell’elicottero del 118 posizionata a ridosso del Cannizzaro.

Solo nella notte precedente, infatti, si era venuta a creare la possibilità di un trapianto urgente di fegato da un donatore di Catania ad un paziente palermitano.

Ricevuta l’importante richiesta, in pochissimi minuti, è stato quindi immediatamente predisposto un servizio di viabilità con quattro militari dell’Arma a bordo di due Ducati 1200 “Multistrada” e di un’Alfa Romeo “Giulia”.

Terminata la delicata fase di espianto, l’organo è stato pertanto posto in un apposito contenitore refrigerato e caricato sul furgone unitamente a tre medici.

Da quel momento, il convoglio, in un’unica corsa ed a sirene spiegate, in un momento della giornata in cui il traffico è particolarmente congestionato, ha attraversato la città, passando dall’asse dei servizi, dal porto e dal lungomare, coprendo i 25 chilometri con la consapevolezza che ogni istante perso o un semplice intoppo poteva essere fatale per chi era, nel frattempo, in un ospedale di Palermo, già in sala operatoria per l’intervento d’impianto.

Il “prezioso carico” ha raggiunto l’elicottero in soli 12 minuti e 50 secondi e, subito dopo, è decollato con il personale sanitario alla volta del capoluogo siciliano.

L’attività, che rientra nei compiti precipui dei Nuclei Radiomobili di tutta Italia, è stata fondamentale, visto che – di regola – i tempi tra espianto ed impianto sono assai ristretti, nell’ordine di pochissime ore.

Latest Posts

Ultim'ora