giovedì 25 Aprile 2024
8.7 C
Catania

Catania: sorpresi in Via Capo Passero con munizioni, denunciati

correlati

I controlli dell’Arma, potenziati in città e provincia per contrastare l’illegalità diffusa, con particolare attenzione ai reati in materia di armi, hanno permesso ai Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania di conseguire un ulteriore risultato operativo a vantaggio della sicurezza dei cittadini, denunciando un 18enne ed un minorenne, entrambi catanesi, per “detenzione abusiva di munizioni”.

Al riguardo nel pomeriggio, durante un servizio di pattugliamento nel quartiere “San Giovanni Galermo”, l’interesse dei motociclisti dell’Arma è stato attirato dagli insoliti movimenti di un SUV in transito lungo in via Capo Passero, con a bordo due giovani.

Il conducente del veicolo infatti, una Nissan Juke, alla vista dei Carabinieri ha fatto finta di nulla ed evitando di incrociare il loro sguardo, ha perfino rallentato la propria marcia, col chiaro intento di non suscitare alcun sospetto nei militari, che invece per tutta risposta, hanno deciso di non perdere di vista il mezzo.

I motociclisti hanno così dato inizio ad un pedinamento a distanza e in coordinamento con la Centrale Operativa, hanno nel frattempo richiesto di approfondire gli accertamenti sull’autovettura, apprendendo nel giro di pochi istanti che l’auto risultava essere stata noleggiata.

Tenuto conto del fatto che a bordo del veicolo erano stati notati due ragazzi al massimo appena maggiorenni e quindi probabilmente troppo giovani per avere la possibilità di noleggiare un veicolo, i Carabinieri hanno così deciso di intervenire per effettuare un controllo ei loro confronti.

Richiesto pertanto alla Centrale il supporto di un’altra “gazzella”, che li ha raggiunti in pochi minuti, le due pattuglie hanno quindi fermato l’autovettura in modo da non lasciargli alcuna via di fuga, generalizzando sia l’autista, un giovanotto di appena 18 anni di Aci Sant’Antonio, che il passeggero, minorenne di Misterbianco. Nel frangente, sin dal momento iniziale dell’identificazione, i due sono apparsi alquanto agitati, motivo per cui i militari hanno anche perquisito il mezzo.

Il loro intuito investigativo, in effetti, è stato confermato quando nel vano porta oggetti dello sportello lato passeggero, i Carabinieri hanno trovato ben 14 cartucce cal. 380 per le quali, i ragazzi, non hanno saputo fornire plausibili spiegazioni sulla loro presenza in macchina, contraddicendosi ed inventando solo scuse banali.

Entrambi sono stati quindi deferiti all’A.G. etnea competente per la detenzione del munizionamento, perfettamente funzionante, che è stato sequestrato, mentre il minorenne è stato riaffidato alla sua famiglia.

Latest Posts

Ultim'ora