sabato 25 Maggio 2024
18.9 C
Catania

Libera, “la corruzione vera patologia nazionale”

correlati

“L’ultima inchiesta di Catania, in attesa che l’iter processuale faccia chiarezza sulla vicenda, è la conferma di una crescita d’intensità dell’intervento giudiziario su corruzione e commistioni tra mafia e politica. Dall’inizio dell’anno sono già più di una ventina le inchieste che in Piemonte, Campania, Sicilia, Puglia, e Lazio hanno visto indagate e arrestate per corruzione, traffico di influenze e scambio di voto politico-mafioso decine di persone tra amministratori, politici, imprenditori, professionisti, dirigenti di azienda”.

In una nota Libera commenta l’ultima inchiesta di Catania su corruzione. “Dopo gli anni di ‘mani pulite’ la corruzione in Italia continua a manifestarsi in forme sistemiche, con dinamiche diffusive e meccanismi di autoregolazione – aggiunge -. Sempre più spesso i politici non appaiono quali protagonisti, bensì comprimari di reti criminali dominate da imprenditori e mafiosi, capaci di orientare flussi di finanziamenti illeciti e consensi: una vera e propria ‘patologia nazionale’, che alimenta sfiducia diffusa nelle istituzioni democratiche, disimpegno, astensionismo.

A fronte dell’aggravarsi di queste gravi criticità assistiamo nel nostro paese ad un progressivo allentamento dei freni inibitori: ci si appresta a varare provvedimenti regressivi, come l’ abrogazione abuso d’ufficio e il depotenziamento del traffico di influenze illecite voluti dal Guardasigilli Nordio; si indeboliscono i controlli di Anac e Corte dei Conti; si ‘liberalizzano’ gli appalti, assegnati nella quasi totalità dei casi senza più gara né competizione grazie al ‘Codice Salvini’.

Come previsto, le politiche dell’esecutivo e della maggioranza di destra che lo sostiene stanno generando ‘scientificamente’ condizioni più propizie per una pratica indisturbata, impunita ed estremamente profittevole di svariate forme di ‘abusi di potere per fini privati’, che ben presto in molti casi non saranno più perseguibili come reati dalla magistratura, né segnalabili come tali dalla stampa, e perciò non più riconoscibili dall’opinione pubblica”.

Latest Posts

Ultim'ora