sabato 22 Giugno 2024
27.8 C
Catania

“Padre Puglisi e Sant’Agata”, il legame tra i due martiri in un incontro nel Catanese

correlati

“L’incontro a Catania dedicato a Padre Puglisi e Sant’Agata, proprio nei giorni delle festività agatine, ha avuto il merito, anche grazie alla levatura dei relatori, non solo di svelare aspetti poco conosciuti dello straordinario uomo e sacerdote, ma anche di farne emergere lo speciale legame con la nostra Patrona. Entrambi sono stati martirizzati per aver creduto nel diritto di non sottostare all’arroganza e alla malvagità dei violenti”.

Così si è espresso il sindaco Enrico Trantino riguardo alla conferenza organizzata nei giorni scorsi al Museo Diocesano dal comitato dei festeggiamenti agatini e dall’associazione “Ex alunni Leonardo Da Vinci” presieduta dal notaio Carlo Zimbone, e alla quale il primo cittadino ha partecipato anche nella qualità di ex allievo della scuola catanese. All’associazione appartiene anche Attilio Cappellani, componente del comitato per Sant’Agata ed ex allievo lasalliano, che ha introdotto i lavori nella sua duplice veste.

Gli autori
Tra gli autorevoli relatori, alla presenza di un folto uditorio, il cardinale Paolo Romeo, l’arcivescovo di Catania Luigi Renna, l’arcivescovo emerito Salvatore Gristina, il professore don Mario Torcivia, il magistrato in pensione Nunzio Sarpietro.
L’incontro ha messo in evidenza la profonda moralità, umanità e spiritualità di Padre Puglisi, l’incessante attività portata avanti “per strappare i giovani dalle grinfie della mafia, evitando che diventassero adepti e ‘picciotti’ pronti a perpetrare violenze”, la storia di un uomo che ha saputo dire no alla violenza e alla prevaricazione.

La festa di Sant’Agata
Ogni anno il 3, il 4 e il 5 febbraio Catania offre alla sua patrona una festa così straordinaria che può essere paragonata soltanto alla Settimana santa di Siviglia o al Corpus Domini di Cuzco, in Perù. In quei tre giorni la città dimentica ogni cosa per concentrarsi sulla festa, misto di devozione e di folklore, che attira ogni anno sino a un milione di persone, tra devoti e curiosi. Il primo giorno è riservato all’offerta delle candele.

Una suggestiva usanza popolare vuole che i ceri donati siano alti o pesanti quanto la persona che chiede la protezione. Alla processione per la raccolta della cera, un breve giro dalla fornace alla cattedrale, partecipano le maggiori autorità religiose, civili e militari. Due carrozze settecentesche, che un tempo appartenevano al senato che governava la città, e undici “ candelore ”, grossi ceri rappresentativi delle corporazioni o dei mestieri, vengono portate in corteo. Questa prima giornata di festa si conclude in serata cori un grandioso spettacolo di giochi pirotecnici in piazza Duomo. I fuochi artificiali durante la festa di sant’Agata, oltre a esprimere la grande gioia dei fedeli, assumono un significato particolare, perché ricordano che la patrona, martirizzata sulla brace, vigila sempre sul fuoco dell’Etna e di tutti gli incendi.

Latest Posts

Ultim'ora