mercoledì 22 Maggio 2024
24.6 C
Catania

Raciti: annullato il risarcimento danni per la morte

correlati

La seconda sezione civile della Corte d’appello di Catania, accogliendo parzialmente il ricorso di Antonino Speziale, ha rigettato la richiesta di risarcimento danni alla Presidenza del consiglio dei ministri e al ministero dell’Interno per la morte dell’ispettore capo Filippo Raciti. La sentenza riforma quella emessa nel maggio del 2021 dalla terza sezione civile del Tribunale del capoluogo etneo che aveva condannato a pagare, in solido, oltre 15milioni di euro gli ultrà del Calcio Catania, Antonino Speziale e Daniele Natale Micale.

I due hanno scontato, rispettivamente, 8 e 11 anni di reclusione per l’omicidio preterintenzionale del poliziotto morto, il 2 febbraio 2007, negli scontri avvenuti all’esterno dello stadio Angelo Massimino, dove si stava giocando il derby con il Palermo. I giudici di secondo grado hanno condannato Speziale al pagamento parziale delle spese processuali nei confronti della Presidenza del consiglio dei ministri, del ministro dell’Interno e di Marisa Grasso, vedova dell’ispettore capo, ma “rigettato la domanda di risarcimento del danno patrimoniale proposta nei confronti di Antonino Speziale”.

La Corte d’appello ha dichiarato “contumace” Micale che non ha partecipato al ricorso avanzato dal difensore di Speziale, l’avvocato Giuseppe Lipera. Il penalista si è detto “soddisfatto della riforma della sentenza impugnata”. “Una cosa è certa – ha sottolineato l’avvocato Lipera – sento che il vento sta cambiando, e non aggiungo altro”.

Latest Posts

Ultim'ora