domenica 26 Maggio 2024
15.4 C
Catania

Sicurezza, Trantino a Roma per rafforzare il controllo del territorio

correlati

operative ulteriori quattro pattuglie della squadra anticrimine per rafforzare il reparto prevenzione crimine

Da lunedì saranno operative ulteriori quattro pattuglie della squadra anticrimine per rafforzare il reparto prevenzione crimine e rendere più efficace il controllo del territorio del capoluogo etneo.

Lo ha comunicato il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi al sindaco Enrico Trantino, a seguito delle continue sollecitazioni al Governo del primo cittadino, allo scopo di rafforzare la sicurezza nell’area urbana. “Il capo del Viminale -ha spiegato Trantino- mi ha anche garantito che a breve arriveranno nuovi rinforzi per la Polizia di Stato, perché è già in corso la ricognizione del personale supplementare da inviare a Catania, per migliorare la sicurezza nella città”.

Il sindaco, sempre in tema di sicurezza, nel corso di una serie di incontri istituzionali a Roma avuti a Roma, ha anche ricevuto rassicurazioni riguardo l’assoluta necessità, più volte manifestata dal capo dell’amministrazione comunale, di prorogare almeno fino al 31 dicembre, i contratti dei 46 vigili urbani temporaneamente in forza al corpo della Polizia Municipale che ha una carenza di personale del 70 %, rispetto alle previsioni della pianta organica.

Altro importante e positivo riscontro Enrico Trantino lo ha avuto dal Governo, riguardo un piano straordinario di assunzioni e gli aiuti per i Comuni in dissesto, la cui attività è fortemente compressa dai vincoli finanziari e legislativi, altro fronte su cui il Comune di Catania è fortemente gravato. Novità importantissime si potrebbero avere già nel decreto legge “Omnibus” che il Governo si appresta a varare lunedì, nell’ultimo consiglio dei Ministri prima della pausa estiva.

Con il sottosegretario alla presidenza del consiglio Alfredo Mantovano e l’A.D. di Ferrovie dello Stato italiane Luigi Ferraris, infine, il sindaco ha  avuto “significative e positive interlocuzioni” sul c.d. “Nodo Catania” (interramento della stazione centrale e della ferrovia fino al Castello Ursino), per sbloccare il finanziamento di circa 900 milioni di euro, che Catania aspetta da venti anni.

“Non amo fare annunci -ha commentato Trantino- ma non ci sono dubbi che siamo di fronte a fatti concreti e inequivocabili che mostrano la grande attenzione del Governo Meloni verso la città di Catania. Una sintonia che porta frutti tangibili per rafforzare il fronte dell’azione istituzionale e garantire sempre maggiore sicurezza, migliori servizi e una rinnovata fiducia per quanti vivono o vengono a visitare la città di Catania, un territorio in cui purtroppo il rispetto delle regole è spesso infranto”.

Latest Posts

Ultim'ora