giovedì 1 Dicembre 2022
8.5 C
Catania

Apparecchiature elettroniche: l’importanza dell’analizzatore di spettro audio

correlati

L’analizzatore di spettro è uno strumento molto impiegato in determinati ambienti specifici, come ad esempio nell’industria elettronica e nella realizzazione di apparecchi elettrici. Si tratta di uno strumento che serve per analizzare lo spettro di frequenza dei segnali audio, radio e RF. L’osservazione dello spettro di un segnale è molto utile perché permette di rilevare eventuali elementi del segnale non adeguati o in generale di verificare le frequenze audio presenti in un circuito. Con queste apparecchiature elettroniche è inoltre possibile effettuare un numero elevato di misurazioni.

L’analizzatore di spettro audio è indispensabile in alcuni ambiti, come ad esempio nei laboratori dove sono attivi molti strumenti elettronici e applicazioni video. Gli analizzatori di spettro audio rientrano anche nell’ambito delle strumentazioni di prova, in quanto sono impiegati per vari test e durante le fasi di progettazione di molti strumenti. Al tempo stesso sono poi fondamentali per la manutenzione dei circuiti e di tutte le attrezzature a radio frequenza, in quanto sono impiegati anche nell’osservazione dei segnali nel dominio della frequenza.

Caratteristiche e tipologie di un analizzatore di spettro

Utilizzare uno strumento come ad esempio questo analizzatore di spettro audio, che è possibile trovare sul portale di RS Components, permette di visualizzare l’ampiezza dei segnali presenti sia su scala verticale che orizzontale. In commercio esistono diverse tipologie di analizzatori di spettro: audio, “spazzolati”, FFT, e operanti in tempo reale. Gli analizzatori audio sono quelli che sono studiati in modo da captare le frequenze audio, comprese quelle basse. Questi modelli sono solitamente i più economici e possono essere anche abbinati ad un pc, in modo da analizzare i dati.

Gli analizzatori di spettro detti “spazzolati” sono i modelli maggiormente utilizzati. Devono il loro nome alla capacità di spazzare via una frequenza che viene successivamente resa oggetto di analisi sulla banda prescelta, in modo da rendere visibili i segnali e i relativi punti di forza. La tipologia FFT, acronimo di “Fast Fourier Transform”, è quella ideata per convertire i segnali in un unico indicatore digitale, in modo da facilitarne l’analisi. Si tratta di un modello che ha generalmente un costo superiore agli altri, in quanto adatto per scopi altamente professionali.

Infine vi sono poi gli analizzatori che sono in grado di operare in tempo reale e che per questo richiedono di un sistema operativo e di un buffer potenti. Anche questi dispositivi possono offrire delle prestazioni considerate al top nell’analisi dei segnali di spettro audio. Le quattro tipologie possono poi a loro volta essere suddivise in altri quattro ambiti che concernono le dimensioni e il peso, determinandone di conseguenza l’applicazione più idonea.

Utilizzo e criteri di scelta

I modelli più grandi di analizzatori di spettro sono quelli da banco, i quali necessitano di essere collegati ad una fonte di alimentazione elettrica e hanno dimensioni più grandi. Per questo motivo sono adatti per essere impiegati all’interno di laboratori o aree di produzione industriale. Gli analizzatori portatili sono invece quelli che hanno delle dimensioni tali da consentirne un facile trasporto all’interno di una valigetta usata per gli attrezzi e sono i più adatti per essere impiegati dai tecnici della manutenzione.

Vi sono poi anche dei modelli palmari che sono dei dispositivi portatili di ultima generazione, sviluppati seguendo dei criteri tecnologici che li rendono leggeri e dalle dimensioni ridotte. Infine vi sono poi gli analizzatori che sono in grado di collegarsi alla rete e sono ideali per gruppi molto grandi che hanno l’esigenza di collegare tra loro vari dispositivi. Nella scelta di uno strumento di questo genere è sempre importante considerare alcuni fattori tecnici specifici, come ad esempio:

  • Aree di applicazione.
  • Larghezza di banda.
  • Frequenza massima e minima.
  • Calibrazione.
  • Temperatura massima tollerata.
  • Peso e dimensioni.

In generale è sempre importante verificare in anticipo che lo strumento valutato sia adatto per lo scopo d’uso previsto. A tal riguardo, oltre alla valutazione delle caratteristiche tecniche contenute nella scheda del prodotto, è utile anche consultare un servizio di assistenza ai clienti, presente nei portali specializzati. I possibili ambiti di applicazione di questi strumenti sono infatti veramente tanti e di conseguenza è normale che in commercio siano presenti vari dispositivi, con caratteristiche tra loro anche molto differenti.

 

Latest Posts

Ultim'ora