7.2 C
Catania
martedì 18 Gennaio 2022

Ultima Ora

I più letti

Assist dei “disertori” al governatore Musumeci?

Musumeci si rafforza o si indebolisce? Lo “sgarbo istituzionale” nei suoi confronti non ha precedenti. E quanto accaduto spariglia le carte della politica siciliana. Ma a beneficiarne sarà, quasi certamente, proprio il governatore. L’azzeramento della giunta gli consentirà di mettere subito alla porta gli alleati che gli hanno voltato le spalle, liberandosi così dal “fuoco amico”. E questo inciderà, certamente, sulla campagna elettorale. “Less is more”. Vale anche per la politica? Of course! Meglio meno alleati leali, che tanti con gruppi isolati che remano contro.

I prossimi mesi sono decisivi e Musumeci ha un grande vantaggio: è alla guida dell’esecutivo, la sua ricandidatura è stata già ufficializzata, e al momento non ha rivali, ed è già in campagna elettorale. C’è di più: al di là dei fisiologici detrattori, coerenza, credibilità e carisma lo rendono un candidato forte. Individuare un nome da contrapporre è obiettivamente assai difficile per tutti. Ed è un fatto evidente.

Quanto accaduto ieri potrebbe essere un boomerang per chi ha “mollato” il presidente e rappresentare, invece, un valore aggiunto per la sua rielezione. Musumeci ha dimostrato coraggio e determinazione, affrontando a tamburo battente la questione. Nessuno si aspettava l’azzeramento immediato della giunta. Un’idea, probabilmente, accarezzata da tempo, ma non attuata per non turbare i precari equilibri politici. L’occasione per rompere gli è stata servita su un piatto d’argento. Insomma: come diceva Pietro Nenni: “Fai quel che devi, accada quel che può”. Cosa accadrà al “compagno” Musumeci?

Da non perdere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Oggi TV