10.5 C
Catania
lunedì 17 Gennaio 2022

Ultima Ora

I più letti

Operazione antidroga, emessi 16 provvedimenti

Dalle prime ore dell’alba, oltre 100 finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di finanza di Catania, con il supporto del Comando Provinciale di Ragusa e dello SCICO, stanno eseguendo in due Regioni (Sicilia e Calabria) e 4 provincie (Catania, Ragusa, Siracusa e Reggio Calabria), oltre che a Malta, l’ordinanza con cui il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Catania, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, ha disposto l’applicazione di misure cautelari personali nei confronti di 16 persone, tutte sottoposte a indagine per il reato di associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanza stupefacente.

Gli arrestati sono complessivamente 15, mentre per una sedicesima indagata è scattato soltanto l’obbligo di firma. Per gli inquirenti esisteva una “strutturata associazione a delinquere”. La droga – cocaina, hashish e marijuana – veniva acquistata in Albania, Puglia e Calabria per poi essere rivenduta in Sicilia, in Lombardia e a Malta. Secondo la Dda di Catania “il promotore” dell’organizzazione sarebbe stato Rosario Amico, uno dei 16 indagati finiti in carcere, coadiuvato nel reperimento e nell’acquisto della droga da altri due destinatari di analoga misura cautelare: Pietro Sessa e Lucia Amenia.

I fornitori sarebbero stati Eriseld, Ledi ed Emiliano Hoxhaji, anche loro in cella, che reperivano le sostanze in Albania per poi cederle ad Amico. Quest’ultimo, secondo l’impianto accusatorio, rivendeva la sostanza a John Spitteri, a Malta, finito anche lui in carcere. Stessa sorte per i calabresi Alessandro e Giuseppe Agostino, e per Antonio Bevilacqua, accusati anche loro di essere “stabili fornitori” di cocaina, marijuana e hashish per Amico: in alcune circostanze si sarebbero avvalsi anche dell’aiuto di Salvatore Agostino e Rocco Bevilacqua, finiti in cella anche loro. In Lombardia operava, secondo la Dda di Catania, un altro destinatario della misura cautelare emessa dal gip: si tratta di Roberto Melfi, che acquistava cocaina per poi rivenderla nelle province di Milano e Monza. L’indagine, alla quale hanno collaborato anche i finanzieri della Tenenza di Pozzallo (Ragusa), ha portato in cella anche Fatjon Cuca e Antonio Salvatore Commisso. La donna destinataria dell’obbligo di firma è A.V.: avrebbe trasportato droga in una occasione.

Da non perdere

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -

Oggi TV