domenica 27 Novembre 2022
14.1 C
Catania

Vertenza Pfizer, videoconferenza tra viceministra Todde e sindacati

correlati

Marano (M5S): "Governo interloquirà con i vertici aziendali, necessaria la tutela del lavoro

Una linea di chiarezza a tutela dello stabilimento Pfizer di Catania. È questo l’appello dei sindacati dei lavoratori lanciato a ottobre con un sit – in dinanzi la sede dell’azienda sita nella zona industriale etnea. Un appello raccolto dalla deputata regionale Jose Marano del M5S che oggi ha promosso un incontro on line tra i rappresentanti sindacali e la vice ministra allo Sviluppo Economico Alessandra Todde, al quale ha partecipato anche l’ex ministro del Lavoro Nunzia Catalfo.

Il vertice – tenuto in video conferenza – ha visto la partecipazione dei sindacalisti Graziella Faranna RSU Filctem Cgil, Gerry Magno segretario generale Filctem Cgil, Carmelo Giuffrida segretario generale UGL chimici, Giuseppe Mirabella Rsu UGL chimici, Marco Puliafito Rsu Ulitec e Alfio Avellino, segretario generale UilTec.

“Non potevamo non raccogliere la richiesta di confronto e di sostegno chiesta dai lavoratori di un sito produttivo importantissimo per Catania”, ha esordito Marano. “La storia dello stabilimento, che risale alla fine degli anni ’50, è stata spesso travagliata e non sono state poche le perdite di personale subite nel corso del tempo. La situazione attuale impone una massima allerta: lo spostamento di alcune linee di produzione degli antibiotici in altri Paesi, come la Cina, potrebbe avere conseguenze molto serie per la sorte dei dipendenti e dell’impianto catanese. Quindi è necessario dialogare con i vertici aziendali su quale sia la prospettiva per Catania, su quale sia il piano industriale alla luce delle delocalizzazioni e se vi siano in serbo nuove produzioni da dirottare in Sicilia. Un territorio come il nostro – ha concluso Marano – già martoriato da una crisi occupazionale importante, che annaspa e cerca di risollevarsi, non può rischiare di perdere una realtà industriale così importante che conta circa 800 lavoratori”.

Durante l’incontro la viceministra Alessandra Todde ha assicurato che “il governo si attiverà per chiedere un vertice con l’azienda sia a livello nazionale sia a livello locale per chiedere contezza dell’agenda e del piano industriale. Occorre comprendere quali siano i piani di espansione e gli investimenti che intende operare la multinazionale. Ovviamente presenteremo le istanze e le preoccupazioni del territorio che abbiamo raccolto oggi e quindi sulla base delle sollecitazioni presentate dai lavoratori e dalle sigle sindacali chiederemo risposte. Stiamo parlando di un sito con un numero importante di occupati e che è strategico per Catania per cui abbiamo necessità di capire dai vertici aziendali che tipo di futuro stanno pianificando per lo stabilimento. Saremo senza se e senza ma tutti allineati e coordinati nella difesa di un sito importante per Catania”.

L’ex ministra Catalfo ha evidenziato che “la difesa dell’occupazione è un punto importante per il nostro territorio. Va compreso rapidamente che cosa sta succedendo, su cosa intende puntare la Pfizer e se i farmaci prodotti in questo stabilimento non siano più importanti per l’azienda. Quest’ultima va coinvolta in un percorso di dialogo con i lavoratori e quindi con i sindacati. Servono risposte sui farmaci in produzione, alcuni dei quali hanno i brevetti in scadenza, e anche sulla eventuale possibilità di poter produrre vaccini anti – covid a Catania”.

Latest Posts

Ultim'ora