venerdì 24 Maggio 2024
26 C
Catania

Aggrediscono per rapina 87enne, un arresto

correlati

Su delega della Procura di Catania, i Carabinieri della Stazione di Acireale hanno eseguito un ordine di carcerazione, divenuto esecutivo a seguito del pronunciamento della Corte Suprema di Cassazione, a carico di Grazia Rosa Pappalardo, pregiudicata catanese di 34 anni, per il reato di “rapina aggravata in concorso”.

Secondo la ricostruzione, la donna, che dovrà scontare la pena di 4 anni di reclusione presso la casa circondariale di Catania Piazza Lanza, in quanto accusata, insieme ad un complice tutt’ora in corso di identificazione, di una rapina perpetrata nel 2011 ai danni di un 87enne, presso la sua abitazione di Acireale.

Nella circostanza la Pappalardo, all’epoca dei fatti, si era recata presso l’abitazione della vittima, unitamente ad una donna e ad un uomo e sfruttando la presenza di quest’ultimo, conoscente dell’anziano, le due donne si sarebbero introdotte in casa con il pretesto di cercare lavoro come domestiche.

Dopo qualche giorno, le due si erano ripresentate a casa dell’anziano, asserendo di essere madre e figlia, chiedendo nuovamente lavoro come domestiche e del denaro. Alla risposta negativa dell’87enne, la Pappalardo gli avrebbe lasciato un numero di cellulare.

Nel pomeriggio del 24 aprile 2011 la Pappalardo si sarebbe ripresentava davanti alla porta di casa dell’anziano con un altro uomo e, questa volta, dopo essere entrati con la forza, la Pappalardo si sarebbe avventava sul malcapitato tenendolo fermo sotto la minaccia di un coltello, mentre il complice lo colpiva con pugni e calci.

Nella circostanza la Pappalardo avanzava “formale” richiesta di denaro all’anziano: “tu quindici giorni fa quando sono venuta a chiederti i soldi non me li hai dati” e soggiungendo: ”tu i soldi ce l’hai sei ricco”.

Nel corso della successiva attività di indagine effettuata dai Carabinieri, finalizzata all’individuazione dei responsabili, è emerso che l’intestatario dell’utenza telefonica risultava essere una componente del nucleo familiare della Pappalardo, mentre, tramite la visione di un fascicolo fotografico la vittima avrebbe riconosciuto nella persona di Pappalardo Grazia Rosa la donna che lo aveva minacciato in casa con il coltello.

Latest Posts

Ultim'ora