martedì 23 Aprile 2024
14.8 C
Catania

Caltagirone: denunciato 32enne per furto ai danni di bene confiscato alla mafia

correlati

I Carabinieri della Stazione di Granieri hanno denunciato un 32enne di Caltagirone perché ritenuto responsabile del reato di “furto aggravato”. I militari dell’Arma sono intervenuti tempestivamente presso la “Masseria Bongiovanni” a seguito di una richiesta per un furto consumato, pervenuta tramite il numero di emergenza 112 N.U.E., da parte del direttore del cantiere edile incaricato della ristrutturazione della struttura.

La “Masseria Bongiovanni” è un bene confiscato alla mafia, appartenuto a Pietro Rampulla, coinvolto nella strage di Capaci e noto per aver confezionato l’ordigno che ha causato la morte del Giudice Falcone e della sua scorta. Tale masseria venne ceduta dall’Agenzia per i beni confiscati alla mafia al Comune di Caltagirone per destinarlo a Centro di accoglienza per donne vittime di violenza, e dato in gestione alla Caritas Diocesana locale.

I militari operanti, al termine del sopralluogo effettuato e sulla base di quanto riferito dal titolare dell’impresa edile peraltro allarmato per l’ammanco degli infissi appena montati sulla citata masseria ed anche in ragione del loro valore stimato in circa 20.000 euro, si sono messi immediatamente alla ricerca della refurtiva.

Nel corso delle ricerche di tracce del reato e dei responsabili, che hanno interessato i luoghi nelle immediate vicinanze, i militari, presso un casolare di campagna di proprietà di un giovane di Caltagirone, hanno individuato delle parti di guarnizioni che il titolare dell’impresa edile ha immediatamente riconosciuto come provenienti dagli infissi mancanti.

I Carabinieri hanno rintracciato il 32enne che, giunto presso il suo casolare, alle domande incalzanti dei militari relativamente al materiale rinvenuto nella sua proprietà, ha ammesso le proprie responsabilità sul furto.

Il giovane, forse per evitare più gravi conseguenze giudiziarie, ha indicato anche il luogo in cui erano stato nascosti gli infissi e, in particolare, una sezione del Bosco di Santo Pietro, caratterizzata da una fitta vegetazione dove gli infissi sono stati effettivamente trovati e poi restituiti al legittimo proprietario.

Infine, nel corso della medesima attività i Carabinieri hanno accertato che presso il menzionato casolare il 32enne usufruiva di energia elettrica gratis avendo effettuato il classico “bypass” di allaccio abusivo diretto alla rete elettrica pubblica con cavi che, partendo dal suo casolare, giungevano presso il palo della luce, di proprietà dell’Enel.

Latest Posts

Ultim'ora