lunedì 26 Febbraio 2024
9.2 C
Catania

“democrazia, costituzione e partiti”

correlati

il vescovo Raspanti in dialogo con i parlamentari

La diocesi di Acireale, guidata dal vescovo Antonino Raspanti, così come da diversi anni, organizza incontri culturali attraverso riflessioni e strumenti rivolti alla crescita e alla formazione della società. Sabato 3 febbraio, alle ore 10.30 ad Acireale nella sala Convegni AIAS, in via Lazzaretto 65, avrà luogo un incontro su “DEMOCRAZIA, COSTITUZIONE e PARTITI: la partecipazione dei cittadini tra passato, presente e futuro”.

Il vescovo acese dialogherà con alcuni deputati e l’evento sarà moderato dal giornalista Salvo Fallica.

La riflessione verterà a partire dall’articolo 49 della Costituzione che ha rivestito un ruolo di primaria importanza per lo sviluppo della partecipazione civica in Italia. Esso, infatti, sancisce il diritto dei cittadini ad associarsi liberamente in partiti politici, aspetto fondamentale per la partecipazione sociale della comunità secondo principi pluralisti.

Questa legittimità ha scandito la storia della democrazia italiana, la cui cronistoria individua modi differenti di approccio ad essa riconosciuti come Prima Repubblica, Seconda Repubblica e, recentemente, da un punto di vista mediatico anche la Terza Repubblica.

Questi passaggi non hanno semplicemente segnato la transizione da un sistema bipolare a quello multipolare fino ad arrivare a quella che viene definita “svolta populista”, ma hanno riconosciuto delle vere e proprie epoche politiche, storiche e sociali riconducibili all’egemonia della Democrazia Cristiana prima e del Berlusconismo dopo che hanno influenzato usi, costumi, sistemi di pensiero, modi di agire e metodi comunicativi.

Il vescovo Raspanti: “La partecipazione attiva alla politica e la comprensione approfondita delle questioni sociali sono elementi cruciali per il funzionamento sano di una società democratica. A questo fine possono avere un ruolo centrale le scuole di formazione che ormai da troppo tempo non sono più valorizzate. E’ importante che tutti noi acquisiamo consapevolezza civica per la strutturazione di una democrazia responsabile, costituita da cittadini realmente partecipi. L’obiettivo deve essere quello di formare una società che ponga le proprie basi sul dibattito politico e che si mostri sempre più solidale”.

Latest Posts

Ultim'ora