lunedì 15 Aprile 2024
16.9 C
Catania

San Giovanni La Punta: sventato un furto con “spaccata” al distributore di carburante

correlati

Il tempestivo intervento di una pattuglia della Stazione Carabinieri di San Giovanni la Punta ha sventato l’assalto ad un distributore di carburanti da parte di due malviventi che, utilizzano un escavatore, hanno divelto le saracinesche della struttura.

I fatti sono accaduti verso le 03.20 del mattino, mentre i militari, impegnati in un servizio perlustrativo del territorio volto proprio alla prevenzione dei reati predatori, stavano attraversando la via Santissimo Crocifisso, nel quartiere “Trappeto”, dove si trova un distributore di carburanti. La pattuglia ha sorpreso, proprio nella pompa di benzina, due uomini che, mediante un grosso escavatore, stavano colpendo con la benna le saracinesche degli uffici e del bar della stazione di servizio, distruggendole.

La decisione sull’intervento è stata fulminea e concorde. I Carabinieri sono entrati nel piazzale del distributore pronti ai possibili scenari operativi, valutando anche il rischio che i due fossero armati. I malviventi, però, alla vista dei militari sono scesi dal mezzo e hanno cominciato a correre, dileguandosi nelle campagne limitrofe, senza riuscire a portare a termine il loro piano criminale.

Nel frattempo, la pattuglia ha chiesto rinforzi e, mentre una squadra si occupava delle ricerche dei due, altri militari, coordinati dalla Centrale Operativa di Gravina di Catania, hanno esaminato la scena del crimine fino all’arrivo della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Catania, che ha proceduto ai rilievi tecnici.

I primi accertamenti hanno permesso di capire che, l’escavatore adoperato per la spaccata, era stato rubato poco prima in un cantiere adiacente al distributore, allestito proprio per l’ampliamento di quella struttura. Poco distante, poi, i Carabinieri hanno trovato anche un furgone a bordo del quale, con molta probabilità, i malviventi hanno raggiunto la zona e sono ancora in corso le attività per risalire al proprietario.

Fondamentale, dunque, la capillare presenza dell’Arma sul territorio, che, grazie a pattuglie che giorno e notte battono le strade dei paesi etnei oltre che della città, ha evitato il peggio.

Sono in corso le attività per risalire all’identità dei malfattori, compresa l’analisi dei filmati degli impianti di videosorveglianza della zona che, certamente forniranno nuovi spunti investigativi per ricostruire la dinamica degli eventi.

Latest Posts

Ultim'ora