sabato 15 Giugno 2024
25.7 C
Catania

San Nullo e Misterbianco, arresti e denunce per reati

correlati

Non si arresta l’azione preventiva e repressiva dell’Arma dei Carabinieri nella zona nord della città, nel territorio che ricade sotto la giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Catania Fontanarossa, con l’obiettivo specifico di contrastare ogni forma d’illegalità diffusa, dai reati predatori allo smercio di droga, per aumentare la sicurezza, reale e percepita, di cittadini e turisti.

In tale contesto, i Carabinieri della Stazione di Catania “Nesima” e quelli della Tenenza di Misterbianco, unitamente ai colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Reggimento “Sicilia” e con il fattivo contributo degli addetti dell’Enel, hanno eseguito d’iniziativa un ampio servizio coordinato a largo raggio, in cui sono stati impegnate più di 50 unità, sia in uniforme che in borghese, che ha portato nel complesso ad importanti risultati operativi. I militari dell’Arma hanno infatti proceduto ad un arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di droga e a 10 denunce a piede libero, a carico rispettivamente di un ladro che ha tentato un furto su un’automobile, 8 capifamiglia per furto di energia elettrica e di un giovane trovato con un coltello a serramanico.

In particolare, alcuni equipaggi, nel pattugliare le strade del quartiere San Nullo, che fa da raccordo tra Misterbianco e Catania, hanno rivolto la loro attenzione verso un uomo fermo dinanzi alla porta di un’abitazione che, alla loro vista, entrava repentinamente in casa. Insospettiti dal gesto, quanto mai ingiustificato, i militari hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare a casa del 40enne. Effettivamente i loro sospetti si sono rivelati subito fondati perché, sul tavolo della cucina, sono stati trovati 300 grammi circa di marijuana e materiale idoneo al suo confezionamento. Sul davanzale di una finestra interna dell’appartamento, inoltre, è stata recuperata una piantina di cannabis indica. L’uomo è stato quindi arrestato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, che ne ha convalidato l’arresto.

Il dispositivo di prevenzione si è, poi, spostato all’interno del parcheggio di un centro commerciale, presso il quale erano stati segnalati in precedenza dei furti di auto. Qui appunto i Carabinieri, senza essere notati, hanno “beccato” sul fatto un 24enne catanese, che dopo aver forzato la serratura di un camper, aveva rubato dall’interno un borsone contenente documenti e oggetti personali del proprietario del mezzo. Il giovane è stato pertanto denunciato a piede libero alle autorità competenti.

Le pattuglie, che hanno appunto operato lungo diverse direttrici operative, hanno poi orientato la loro azione in via Capo Passero, dove i Carabinieri e il personale Enel hanno accertato che 8 famiglie avevano effettuato l’allaccio abusivo diretto alla rete Enel, causando ammanchi per oltre 50.000 € alla società elettrica, mettendo inoltre a repentaglio la sicurezza pubblica, in quanto la manomissione dei contatori, attraverso l’introduzione di un cavo elettrico per realizzare l’allaccio abusivo, esclude tutti i dispositivi antinfortunistici, con grave rischio di corto circuiti responsabili, talvolta, di vere e proprie esplosioni.

Per quanto concerne infine i controlli alla circolazione stradale, sono stati ispezionati 21 veicoli con a bordo 37 persone, nonchè contestate 15 violazioni al Codice della Strada (mancata copertura assicurativa, mancata revisione periodica, mancato uso del casco), per un totale di 11.500€ circa, col ritiro di 2 patenti guida e il sequestro di 5 mezzi. In questo caso i militari, mediante numerosi posti di controllo lungo i principali snodi viari, hanno soprattutto contrastato quelle condotte irresponsabili di guida che possono seriamente mettere a repentaglio la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

In quei momenti, durante gli accertamenti a carico di un automobilista 23enne residente a Misterbianco, i Carabinieri si sono accorti dello stato di nervosismo del ragazzo, ciò nonostante la sua auto avesse tutti i documenti in regola. Per tale ragione, gli operanti hanno voluto approfondire e lo hanno trovato in possesso di un coltello a serramanico a scatto.

Naturalmente il coltello è stato sequestrato e il giovane denunciato per “possesso ingiustificato di armi o strumenti atti ad offendere”.

Latest Posts

Ultim'ora