mercoledì 19 Giugno 2024
24.5 C
Catania

Regionali 2022: Barbagallo, “in campo alternativa a Musumeci”

correlati

"Noi, con le primarie in Sicilia abbiamo preso un impegno"

“Il campo in Sicilia c’è nei fatti. Non lo vogliamo chiamare progressista, né largo? Allora chiamiamolo col suo vero nome: il campo dell’alternativa a Musumeci, al disastro del suo governo, all’arroganza, alle clientele nella sanità e alle lottizzazioni di ogni spazio di potere”. Lo dice, in un’intervista al quotidiano La Sicilia, il segretario regionale del Pd in Sicilia Anthony Barbagallo. “Il Pd è un partito serio. Noi, con le primarie in Sicilia – continua il segretario Dem – abbiamo preso un impegno”.

“E non è che si sono fatte perché una mattina il segretario Barbagallo s’è svegliato e ha deciso così. Abbiamo tenuto le direzioni regionali a porte aperte, davanti ai giornalisti. C’è stata una trasparenza mai vista. Ma c’è stato soprattutto un percorso, in questi cinque anni, di condivisione di idee e di iniziative sui banchi dell’Ars come opposizione compatta che Musumeci ha provato a silenziare”.

“La politica ha i suoi tempi, i suoi luoghi. E la sua logica: nel governo Draghi c’era anche la Lega, ma noi non ci siamo mai sognati di fare un’alleanza con Salvini alle Regionali o nei comuni. Ripeto: il campo, in Sicilia, è naturalmente composto da tutti quelli che sono alternativi al disastro Musumeci. Non si può costringere nessuno a starci, ma noi siamo per mantenerlo e anzi allargarlo, questo perimetro”.

 “Il confronto e l’apertura sono auspicabili rispetto a tutti gli interlocutori affidabili, che parlano la nostra stessa lingua sui temi più importanti per la Sicilia. Tanto più che alcuni di loro, a livello nazionale e regionale, condividono un pezzo di nostra storia. Pensi a Renzi e Faraone, Calenda e Ferrandelli: sono stati tutti candidati nel Pd…”.

Latest Posts

Ultim'ora