27.2 C
Catania
giovedì 7 Luglio 2022

Amministrative in Sicilia, al voto 120 Comuni

Due i capoluoghi di provincia chiamati al voto, Palermo e Messina

Sono 120 i Comuni siciliani che domenica 12 giugno saranno chiamati ad eleggere i propri sindaci e rinnovare i Consigli comunali e circoscrizionali. Nella stessa data gli elettori sono chiamati anche a esprimere il loro parere su cinque referendum sulla giustizia. I seggi saranno aperti solo nella giornata di domenica, dalle 7 alle 23. La popolazione coinvolta è di 1.710.451 abitanti, di cui 900.823 anche per le elezioni dei presidenti di circoscrizione e dei Consigli circoscrizionali (657.561 a Palermo e 243.262 a Messina). In 107 centri (fino a 15 mila abitanti) si voterà con il sistema maggioritario, in tredici (nei quali l’eventuale ballottaggio si terrà il 26 giugno) con quello proporzionale. I consiglieri comunali da eleggere sono 1.520 e le sezioni elettorali che saranno costituite sono 1.747.

Nella sola città di Messina si voterà anche per il referendum sull’istituzione del nuovo Comune ‘Montemare’, formato da dodici villaggi della fascia collinare e costiera tirrenica del capoluogo. Per il consiglio comunale e per quello circoscrizionale, sarà possibile esprimere una o due preferenze nella stessa lista, ma di genere diverso: una femminile e una maschile. Il voto espresso per una lista si estende al candidato sindaco a essa collegato e non viceversa: il cosiddetto ‘effetto trascinamento’. Prevista anche la possibilità del voto disgiunto: votare un candidato sindaco e una lista a lui non collegata. Sul sito istituzionale della Regione (www.elezioni.regione.sicilia.it) saranno pubblicate tre rilevazioni (alle 12.30, 19.30 e 23.30) sull’affluenza degli elettori alle urne, con il raffronto dei dati rispetto alle ultime elezioni amministrative dei Comuni interessati. Alla chiusura delle operazioni di voto, si procederà con lo spoglio delle schede dei cinque referendum, mentre quello relativo alle amministrative avrà inizio lunedì 13 giugno, a partire dalle 14.

La precedenza verrà data alle elezioni comunali, poi a quelle circoscrizionali (solo per Palermo e Messina) e infine al referendum per l’istituzione di un nuovo Comune (a Messina). I dati provvisori, man mano che verranno trasmessi dalle prefetture territorialmente competenti al dipartimento regionale delle Autonomie locali, saranno immessi sul sistema Idec (realizzato con la collaborazione dell’assessorato dell’Economia e della società Sicilia digitale), elaborati dal programma e pubblicati in tempo reale.

A Catania sono 20 i Comuni chiamati alle urne: Aci Bonaccorsi (maggioritario, 12, 3), Aci Catena (proporzionale, 16, 25), Castiglione di Sicilia (maggioritario, 12, 9), Fiumefreddo di Sicilia (maggioritario, 12, 9), Licodia Eubea (maggioritario, 12, 4), Linguaglossa (maggioritario, 12, 5), Maniace (maggioritario, 12, 3), Mazzarrone (maggioritario, 12, 3), Militello in Val di Catania (maggioritario, 12, 12), Mirabella Imbaccari (maggioritario, 12, 8), Nicolosi (maggioritario, 12, 5), Palagonia (proporzionale, 16, 18), Paternò (proporzionale, 24, 47), Raddusa (maggioritario, 12, 4), Randazzo (maggioritario, 16, 12), San Michele di Ganzaria (maggioritario, 12, 5), Sant’Agata Li Battiati (maggioritario, 12, 10), Santa Maria di Licodia (maggioritario, 12, 6), Scordia (proporzionale, 16, 20) e Vizzini (maggioritario, 12, 10).

Latest Posts

spot_img

Ultim'ora