lunedì 8 Agosto 2022
28.6 C
Catania

correlati

Election Day: Musumeci, “indichino un candidato, se unitario lavoreremo per lui”
E

Miccichè? "Gli attacchi sono frutto di ossessione, visto che quel partito ha lasciato i suoi a ben governare con me fino ad oggi.

“La politica è la grande assente in questa vicenda. L’obiettivo è fare l’election day, non tre mesi prima ma 40 giorni prima della scadenza naturale. Le dimissioni sono dettate dal buon senso, sia per evitare che i siciliani nello spazio di un mese vadano due volte a votare sia per risparmiare 20 milioni di euro di denaro pubblico, per evitare la crescita dei contagi e non chiudere le scuole due volte”.

Lo dice, in un’intervista al Corriere della Sera, Nello Musumeci, presidente dimissionario della Regione Siciliana. “Sto governando la Regione anche con FI e Lega – prosegue – dal primo giorno. Se non fosse stato per l’election day, avrei continuato fino alla scadenza del 6 novembre in piena autonomia con un governo che ha gli stessi assessori e gli stessi partiti di 5 anni fa”.

Miccichè? “Gli attacchi sono frutto di ossessione, visto che quel partito ha lasciato i suoi a ben governare con me fino ad oggi. Come la Lega. In cinque anni abbiamo sostituito appena 4 assessori e non 56 come era accaduto con il governo a guida Pd”. I suoi non la vogliono, presidente. Questo dichiarano. “I miei chi? Da giugno dico che sono disponibile a guidare il Centrodestra di nuovo alla vittoria. Ma pronto, se risultassi divisivo, a fare un passo di lato”. Che non fa. “E dovrei farlo a favore di chi? Indichino un candidato, se unitario lavoreremo per lui. Lo cercano da mesi…”.

“Sono stato io a chiedere alla Meloni di non insistere con gli alleati nella difesa della mia ricandidatura. Ringrazio Giorgia per la tenacia, la determinazione con cui ha sostenuto il mio diritto a un secondo mandato”. Salvini spera per un suo uomo. Come Miccichè per Stefania Prestigiacomo. “Ne ha proposti tanti FI. Anche Schifani, Patrizia Monterosso, altri. Il nome più interessante è certo quello dello stesso Miccichè, del quale non si è più parlato. Naufragato. E non si capisce perché, nonostante l’avallo dell’ala filogovernativa di FI, di quanti sono in giunta con me”.

Intanto la Lega di Matteo Salvini è già in corsa: “Noi siamo prontissimi, abbiamo le liste pronte e forti in tutte e nove le province siciliane. Siamo pronti a governare questa meravigliosa terra con un progetto che porti a grandi passi avanti su infrastrutture, rifiuti e il Ponte sullo Stretto”. Sul passo di lato del governatore interviene anche il capo degli autonomisti, l’ex governatore Raffaele Lombardo: “Il presidente ha fatto una scelta e ne ha anche esplicitato le ragioni, che sono tutte apprezzabili e condivisibili, né più né meno”, ha osservato. “Assumeranno delle decisioni in base alle affinità, agli obiettivi e alle persone”.

In terra sicula anche il centrosinistra può spaccarsi da un momento all’ altro. In agenda, una riunione regionale per lunedi a cui prenderà parte anche Giuseppe Conte, all’ordine del giorno la scelta di due opzioni: la corsa solitaria, o il sostegno alla candidata dem Caterina Chinnici.

Latest Posts

spot_img
spot_img

Ultim'ora